CISL Logo
giovedì 23 ottobre 2014

news menu leftnews menu right

Eventi/Scadenze

« < Ottobre 2014 > »
L M M G V S D
29 30 1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31 1 2
Organico diritto scuola del'Infanzia e scuola Primaria a.s. 2013/2014. Sbagliato non ripristinare i posti in organico di diritto dell'a.s. 2012/2013 PDF Stampa E-mail
Giovedì 02 Maggio 2013 12:50

 

In merito alla concertazione svoltasi il giorno 24 aprile 2013 presso l'Ufficio scolastico regionale del Friuli Venezia Giulia a Trieste, le segreterie regionali evidenziate in calce inviano la presente quale dichiarazione da allegare al verbale dell'incontro sopra citato.

Considerato quanto esposto dall'Amministrazione in merito ai criteri di distribuzione nelle varie province dell'organico regionale della scuola dell'infanzia, le scriventi nel prendere atto della trasformazione dell'organico di fatto 2011/2012 in organico di diritto 2012/2013, rilevano che tale trasformazione, non è riuscita a coprire tutte le richieste provenienti dalle istituzioni scolastiche. Pertanto, le OO. SS. che sottoscrivono la presente dichiarazione a verbale, chiedono che l'Amministrazione se ne faccia carico al fine di risolverle in adeguamento dell'organico di diritto alla situazione di fatto.
Per quanto riguarda l'organico di diritto per l'anno scolastico 2013/2014 della scuola primaria, le scriventi non condividono la scelta fatta dell'Amministrazione di non applicare quanto previsto dal nono capoverso della C.M. n. 10 del 21 marzo 2013 ..?) con la quale il MIUR dava la possibilità di incrementare l'organico di diritto con risorse sottratte all'organico di fatto, peraltro, operazione già effettuata da codesta Amministrazione nella predisposizione dell'organico di diritto per l'anno scolastico 2012/2013 e condivisa dalle scriventi OO.SS. ("Al fine di garantire la corretta funzionalità del servizio scolastico, anche in considerazione dell'incremento del numero di alunni, le SS.LL. valuteranno la possibilità di incrementare l'organico di diritto con quote di posti dell'organico di fatto, da recuperare nella fase di tale organico, comunque non inferiore agli incrementi autorizzati nel precedente anno scolastico")
Tale decisione negativa ha creato nelle istituzioni scolastiche sconcerto e delusione, perché si sono viste sottrarre organico di diritto già in dotazione, e nei lavoratori amarezza, perché non tutelati e costretti in molti a presentare domanda di trasferimento perché soprannumerari, interrompendo contestualmente la continuità didattica per gli alunni.
Le OO. SS. su quel tavolo, hanno chiesto a gran voce di applicare quanto previsto dalla citata circolare ministeriale, anche perché in tale documento, l'unico e fermo paletto da rispettare era il mantenimento complessivo della spesa è cioè che non si superasse il numero dei posti concessi sia in diritto che in fatto.
In conclusione, le OO.SS. firmatarie del presente documento ritengono un errore programmatico e politico la scelta di tagliare dall'organico di diritto 2013/2014 quanto già autorizzato nell'organico di diritto 2011/2012, per la scuola primaria.
A rafforzare l'attuazione di quanto evidenziato dal nono capoverso della C.M. n. 10, ci sono le decisioni già assunte da parte di altri Uffici scolastici regionali che ne hanno data applicazione, lo testimoniano i decreti predisposti dalla Lombardia e dalla Calabria (trasmessi a quest'ufficio tramite mail).
Infine, vista la nota del Miur con la quale viene prorogata la chiusura al Sidi dell'Organico di diritto delle scuole qui trattate, si chiede a gran voce che l'Amministrazione dia corso a quanto già altre regioni hanno posto in essere, per dare certezza funzionale alle istituzioni scolastiche, specialmente in quelle che hanno subito fortemente la scelta negativa effettuata.
Le scriventi organizzazioni ritengono altresì indispensabile intervenire in merito all'informativa svoltasi lo scorso 19 aprile 2013 sulla proposta di riparto dei posti di organico di diritto regionale tra le scuole di ogni ordine e grado delle quattro province per a.s. 2013/2014.
A tal proposito nel rilevare che l'O.D. del 2012-2013 ammontava ad una dotazione di 11.508 posti (la cui ufficialità è data dai decreti emanati dall'USR), mentre per l'a.s 2013-2014 l'O.D. assegnato dal Miur (tabelle allegate alla CM n. 10) ammonta a 11.455 posti, chiedono a codesta USR che proceda, sulla scorta dell'operazione effettuata lo scorso anno, ad assegnare i 53 posti mancanti. Un'operazione che tra l'altro trova rispondenza nel dispositivo contenuto nella CM più volte citata attraverso un' operazione di anticipo dei posti dall'OF. Tale richiesta è motivata, per quanto riguarda la nostra regione, dall'incremento degli alunni che ammonta a 100 aggiuntivi se il raffronto viene effettuato tra l'Organico di Diritto nel biennio, mentre la dimensione sale a 900 alunni se il raffronto viene effettuato tra l'OF dello scorso anno e quello di diritto del 2013-2014.
Su questo fondamentale aspetto si caratterizzerà la qualità dell'istruzione, poiché da esso dipenderà il dato riguardante l'affollamento delle classi, la possibilità di salvaguardare gli alunni diversamente abili relativamente allo sdoppiamento delle classi e, non ultimo, il numero di docenti sopranumerari.

Cisl Scuola    Flc Cgil   Uil Scuola   Gilda Unams

 

Decreto organico diritto regionale scuola dell'infanzia a.s. 2013/2014

Decreto organico diritto regionale scuola primaria a.s. 2013/2014

Tabelle regionali divise per provincia organico diritto scuola dell'infanzia a.s 2013/2014

Tabelle regionali divise per provincia organico diritto scuola primaria a.s. 2013/2014

 

D.L.

 

 

 

 

 
Calcolatrice

Calcola Il F.I.S.

A. S. 2013/2014

Chi è online

 17 visitatori online




Template customization and Joomla! configuration by Ambient7 Srl